La guerra disegna nuove rotte e nuovi costi di spedizione, si allunga la catena degli approvvigionamenti!

Buongiorno ,

Come avrete appreso dalle principali fonti di informazioni e da tante riviste digitali ci sono stati attacchi alle navi mercantili nel Mar Rosso e Suez.
Gran parte delle compagnie di navigazione al fine di garantire la sicurezza delle navi e delle merci hanno deciso di cambiare gli itinerari di viaggio passando da Capo di Buona Speranza.

Questo comporterà che i tempi di viaggio si allungheranno di 10-12 giorni circa.
Il rischio guerra costringerà le navi a viaggiare in certe aree ad una velocità superiore contribuendo ad aumentare il consumo di carburanti e conseguenti costi.
I noli marittimo subiranno un aumento importante, in particolare modo i noli marittimi di importazione, e saranno applicati dai vettori alcune addizionali legati al war risk surcharge.

Alcune compagnie accetteranno la prenotazione e l’imbarco delle merci ad una tariffa unica, saranno sospese e non saranno applicate e rinnovate tariffe preferenziali a decorrere da imbarchi 1° gennaio.

Le compagnie hanno anche annunciato la cancellazione di eventuali franchigie speciali e prevedono che i tempi di navigazione più lunghi causeranno una mancanza di container vuoti per l’esportazione.

Abbiamo dedicato alcune risorse in loco per seguire l’evolversi della situazione con le compagnie di navigazione e torneremo con alcune comunicazioni appena possibile.

I nostri uffici restano a disposizione per informazioni e supporto commerciale.